SEI IN > VIVERE TREVISO > CRONACA
articolo

Sequestrati nel trevigiano tre laboratori tessili gestiti negli ultimi 15 anni da imprese “apri e chiudi”

3' di lettura
58

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso, con il supporto di Vigili del Fuoco, S.P.I.S.A.L., Ispettorato del Lavoro e A.R.P.A.V. di Treviso, nonché con il contributo dei comuni interessati, hanno eseguito tre distinti controlli in aziende tessili ubicate, rispettivamente, nei comuni di Crocetta del Montello, Cornuda e Giavera del Montello.

Gli interventi, che hanno visto ogni Ente procedere per le materie di propria competenza, secondo un modello ispettivo integrato altamente efficace, si sono conclusi con la constatazione di diverse violazioni delle norme volte a prevenire gli infortuni sui luoghi di lavoro e irregolarità in materia di smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi.

In particolare, sono state riscontrate le seguenti criticità: assenza di mezzi di estinzione portatili, mancanza di segnali indicanti le vie di esodo e delle luci di sicurezza in prossimità delle porte di emergenza, vie di fuga ostruite e non fruibili, omessa formazione dei dipendenti in merito ai rischi generali e specifici in materia di salute e sicurezza, assenza del documento di valutazione dei rischi, omessa designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi, scarse condizioni igieniche, illecito smaltimento di venti metri cubi di scarti tessili, accatastati in un box auto adiacente a uno dei laboratori.

Alla luce della grave situazione di degrado emersa, i tre opifici, che operavano sulla base di commesse ricevute da imprese locali, sono stati sottoposti a sequestro preventivo d’urgenza da parte dei finanzieri del Gruppo di Treviso e della Tenenza di Montebelluna.

I provvedimenti cautelari sono stati successivamente convalidati dal locale Tribunale, mentre gli amministratori delle tre ditte sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Treviso, a vario titolo, per violazioni delle norme in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché per illecito smaltimento di rifiuti.

L’approfondimento della posizione dei laboratori ha poi permesso di accertare pendenze tributarie per due milioni di euro da parte delle dieci ditte, tutte amministrate da stranieri, che, a decorrere dal 2007, hanno gestito i tre laboratori: si tratte di vere e proprie imprese “Apri e chiudi” che, dopo essere divenute insolventi con l’Amministrazione Finanziaria, hanno trasferito personale e macchinari nella successiva impresa costituita “ad hoc”, che ha continuato a operare sempre nello stesso luogo, con gli stessi clienti e fornitori, cambiando solo il nome e la partita IVA.

L’operazione della Guardia di Finanza di Treviso ha avuto il fine di tutelare la sicurezza dei lavoratori e di colpire il comportamento di chi agisce nel mercato in modo sleale, a beneficio degli operatori economici onesti e rispettosi delle regole: il mancato rispetto delle più elementari norme in materia di sicurezza e il sistematico ricorso a imprese “di comodo”, costituite una dopo l’altra per favorire l’evasione fiscale, consentono infatti di applicare prezzi altamente competitivi, in danno delle imprese che operano rispettando la legge, costrette a sostenere costi maggiori.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp, Telegram e Twitter di Vivere Treviso.

Per Whatsapp iscriviti al nostro canale.

Per Telegram cerca il canale @VivereTreviso o clicca su t.me/viveretreviso per ricevere le notizie principali.
Cerca il canale @vivereTreviso2 o clicca su t.me/viveretreviso2 per ricevere tutte le notizie.

Per Twitter segui il profilo https://twitter.com/Vivere_Treviso.





Questo è un articolo pubblicato il 29-03-2023 alle 09:40 sul giornale del 30 marzo 2023 - 58 letture






qrcode