SEI IN > VIVERE TREVISO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Venerdì 7 giugno la "Lunga notte delle chiese": musica e illustrazione di opere d'arte in sei chiese della città di Treviso dalle 20,30 alle 22,30

3' di lettura
30

La "notte bianca" con un ricco programma musicale e ingresso libero e gratuito in un'atmosfera di spiritualità e vicinanza tra cattolici che si incontreranno in orari desueti ma carichi di suggestioni profonde come in questa foto della chiesa di San Nicolo

Torna a Treviso la “Lunga notte delle chiese”, venerdì 7 giugno, sul tema “Trovami!”. Questo invito vuole essere una risposta alla domanda che ci si era posti nell’edizione precedente, ossia “Dove sei?”. E’ la “notte bianca” dei luoghi di culto dove musica, arte e cultura si incontrano in un’atmosfera di riflessione e spiritualità. Ben sei le chiese di Treviso che partecipano all’iniziativa e che saranno aperte fino a tardi: la cattedrale, la chiesa di Santa Maria Maddalena, la chiesa di Santa Lucia e San Vito, la chiesa di San Leonardo, il tempio di San Nicolò e la chiesa di San Francesco.

I volontari di “Chiese aperte” accoglieranno i visitatori e presenteranno opere d’arte selezionate in ciascuna chiesa, momenti di bellezza e contemplazione: “Noli me tangere”, nella chiesa di Santa Maria Maddalena, della Bottega del Veronese, e la Visitazione, di attribuzione incerta; a San Leonardo (Santa Rita) il Trittico di Cima da Conegliano e della sua Bottega, e il bassorilievo della Confraternita del suffragio delle anime purganti; nella cripta della cattedrale il ciclo della crocifissione, di scuola giottesca; nelle chiese di Santa Lucia e San Vito, la cappella del Crocifisso (scuola di Altichiero) e la Madonna del paveio, affresco con frammento degli angeli dipinti da Tomaso da Modena; A san Francesco, Agiografia e rappresentazione di San Cristoforo, e l’affresco di Tomaso da Modena “Madonna e bambino” all’interno della cappella Giacomelli; nella cappella Monigo del tempio di san Nicolò la “Madonna e santi”.

Due i turni previsti, il primo dalle 20.30 alle 21.20; il secondo dalle 21.30 alle 22.30 Ricco anche il programma musicale che accoglierà i visitatori. In cattedrale: La polifonia trevigiana custodita nella Biblioteca Capitolare, con l’Ethos Ensemble diretto dal maestro Michele Pozzobon; nella chiesa di Santa Maria Maddalena: Psallam Deo meo. Il canto di lode a Dio. Musiche per voce e organo con i maestri Daniela Pellizzari e Livio Schiavato; nella chiesa di Santa Lucia: Trascrizioni per flauto e arpa con i maestri Francesca Contò e Francesca Fiori; nella chiesa di San Leonardo: In chordis et organo.

Musiche per organo col maestro Marco Favotto; nel tempio di San Nicolò: Il commento organistico della Messa di Girolamo Frescobaldi, con don Stefano Tempesta; a San Francesco: La polifonia classica del ’500. Coro “Sine nomine” diretto da Edoardo Cervi. L’idea della “Lunga notte delle chiese” nasce nel 2016 dal progetto di successo della “Lange Nacht der Kirchen” che si svolge in Austria e in Alto Adige da parecchi anni, coinvolgendo centinaia di chiese. L’ultima edizione della Lunga notte (il 9 giugno 2023) ha coinvolto 130 Diocesi in tutta Italia e oltre 150 chiese. Ingresso libero e gratuito.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2024 alle 15:48 sul giornale del 07 giugno 2024 - 30 letture






qrcode